Mangiare stagionalmente: sempre un’opzione migliore

0
71


Mangiare stagionalmente: sempre un'opzione migliore
I cibi di stagione sono un modo per riconnettersi con il ciclo organico che la natura ha voluto per noi.

Conteggio dei benefici

  • Il più grande vantaggio tangibile di mangiare stagionalmente è che lo farai risparmiare sul cibo. Quando acquisti ciò che è di stagione, acquisti cibo che è al massimo della sua offerta e costa meno agli agricoltori e alle società di distribuzione per raccogliere e arrivare al tuo negozio di alimentari.
  • La prossima migliore conseguenza del mangiare stagionalmente è che ottieni il migliore degustazione, cibo più sano disponibile. Lo stesso motivo che mantiene basso il costo del cibo di stagione ne aumenta anche la qualità. Il cibo viene coltivato più vicino a te in modo che non vada a male durante il viaggio, viene raccolto al culmine della sua stagione (anche se non c’è alcuna garanzia reale che sia raccolto al culmine della freschezza) e venduto durante la sua stagione, prima che si deteriori . Il contrario è vero per i cibi fuori stagione. Devono essere spediti da tutto il mondo per arrivare a te, di solito raccolti prima dell’apice del loro sapore per sopravvivere al lungo viaggio (o essere autorizzati a maturare mentre viaggiano) al tuo negozio di alimentari locale.
  • I cibi di stagione hanno anche un contenuto di antiossidanti molto più elevato rispetto ai cibi non stagionali. Frutta e verdura fuori stagione mancano di nutrimento adeguato. Se raccogli qualcosa in anticipo in modo che possa sopportare un’esperienza di spedizione a lunga distanza, non avrà l’intero complemento di nutrienti che avrebbe potuto avere. Inoltre, il trasporto di prodotti a volte richiede l’irradiazione (fulminazione dei prodotti con un’esplosione di radiazioni per uccidere i germi) e conservanti (come la cera) per proteggere i prodotti che vengono successivamente refrigerati durante il viaggio. In uno studio di ricerca condotto nel 1997 dal Ministero dell’agricoltura, della pesca e dell’alimentazione a Londra, in Inghilterra, sono state riscontrate notevoli differenze nel contenuto di nutrienti del latte in estate rispetto a quello invernale. Il contenuto di iodio era più alto in inverno e il beta-carotene era più alto in estate. Il ministero ha scoperto che queste differenze nella composizione del latte erano principalmente dovute a differenze nella dieta delle mucche. Con più cibi conservati sotto sale in inverno e più piante fresche in estate, le mucche finirono per produrre latti nutrizionalmente diversi durante le due stagioni. Allo stesso modo, i ricercatori in Giappone hanno trovato enormi differenze nel contenuto di vitamina C degli spinaci raccolti in estate rispetto a quelli invernali.
  • Gli svantaggi di vivere in un periodo tecnologicamente avanzato con pratiche alimentari moderne si sono rivelati tra noi sotto forma di un crescente numero di intolleranze alimentari e allergie, livelli più elevati di obesità, moderne malattie croniche come il diabete di tipo 2 e molto altro.

Principi da seguire quando si mangia stagionalmente

Ci sono alcuni principi fondamentali che puoi seguire per assicurarti un nutrimento ottimale in ogni stagione:

  • In primavera, concentrati su verdure tenere e in foglia che rappresentano la nuova crescita fresca di questa stagione. L’inverdimento che si verifica in primavera dovrebbe essere rappresentato dalle verdure nel piatto, tra cui bietole, spinaci, lattuga romana, prezzemolo fresco e basilico.
  • In estate, attenersi a cibi leggeri e rinfrescanti nella tradizione della medicina tradizionale cinese. Questi alimenti includono frutta come fragole, mele, pere e prugne; verdure come zucca estiva, broccoli, cavolfiore e mais; e spezie e condimenti come menta piperita e coriandolo.
  • In autunno, rivolgiti ai cibi più caldi del raccolto autunnale, tra cui carote, patate dolci, cipolle e aglio. Sottolinea anche le spezie e i condimenti più caldi tra cui zenzero, pepe in grani e semi di senape.
  • In inverno, rivolgiti ancora più esclusivamente ai cibi riscaldanti. Ricorda il principio secondo cui gli alimenti che impiegano più tempo a crescere sono generalmente più riscaldanti degli alimenti che crescono rapidamente. Tutti i cibi animali rientrano nella categoria del riscaldamento, inclusi pesce, pollo, manzo e agnello. Così fanno la maggior parte degli ortaggi a radice, tra cui carote, patate, cipolle e aglio. Anche le uova si adattano qui, così come il mais e le noci.

Se possibile, coltiva e raccogli tu stesso frutta e verdura: saprai esattamente come sono state coltivate quelle verdure e potrai gustarle al loro apice il giorno in cui vengono raccolte. Se il giardinaggio non fa per te, visita settimanalmente un mercato contadino locale. Anche se potrebbe non essere sempre possibile acquistare i tuoi prodotti di stagione localmente, la cosa migliore da fare è acquistare ciò che è di stagione da qualche altra parte e, si spera, non troppo lontano per ridurre al minimo i tempi di spedizione e i conseguenti danni.

Rif:

  • http://www.naturalnews.com/

Disclaimer
Il Contenuto non è destinato a sostituire la consulenza medica professionale, la diagnosi o il trattamento. Chiedi sempre il parere del tuo medico o di un altro operatore sanitario qualificato per qualsiasi domanda tu possa avere riguardo a una condizione medica.

Mangiare stagionalmente: sempre un'opzione migliore
I cibi di stagione sono un modo per riconnettersi con il ciclo organico che la natura ha voluto per noi.

Conteggio dei benefici

  • Il più grande vantaggio tangibile di mangiare stagionalmente è che lo farai risparmiare sul cibo. Quando acquisti ciò che è di stagione, acquisti cibo che è al massimo della sua offerta e costa meno agli agricoltori e alle società di distribuzione per raccogliere e arrivare al tuo negozio di alimentari.
  • La prossima migliore conseguenza del mangiare stagionalmente è che ottieni il migliore degustazione, cibo più sano disponibile. Lo stesso motivo che mantiene basso il costo del cibo di stagione ne aumenta anche la qualità. Il cibo viene coltivato più vicino a te in modo che non vada a male durante il viaggio, viene raccolto al culmine della sua stagione (anche se non c’è alcuna garanzia reale che sia raccolto al culmine della freschezza) e venduto durante la sua stagione, prima che si deteriori . Il contrario è vero per i cibi fuori stagione. Devono essere spediti da tutto il mondo per arrivare a te, di solito raccolti prima dell’apice del loro sapore per sopravvivere al lungo viaggio (o essere autorizzati a maturare mentre viaggiano) al tuo negozio di alimentari locale.
  • I cibi di stagione hanno anche un contenuto di antiossidanti molto più elevato rispetto ai cibi non stagionali. Frutta e verdura fuori stagione mancano di nutrimento adeguato. Se raccogli qualcosa in anticipo in modo che possa sopportare un’esperienza di spedizione a lunga distanza, non avrà l’intero complemento di nutrienti che avrebbe potuto avere. Inoltre, il trasporto di prodotti a volte richiede l’irradiazione (fulminazione dei prodotti con un’esplosione di radiazioni per uccidere i germi) e conservanti (come la cera) per proteggere i prodotti che vengono successivamente refrigerati durante il viaggio. In uno studio di ricerca condotto nel 1997 dal Ministero dell’agricoltura, della pesca e dell’alimentazione a Londra, in Inghilterra, sono state riscontrate notevoli differenze nel contenuto di nutrienti del latte in estate rispetto a quello invernale. Il contenuto di iodio era più alto in inverno e il beta-carotene era più alto in estate. Il ministero ha scoperto che queste differenze nella composizione del latte erano principalmente dovute a differenze nella dieta delle mucche. Con più cibi conservati sotto sale in inverno e più piante fresche in estate, le mucche finirono per produrre latti nutrizionalmente diversi durante le due stagioni. Allo stesso modo, i ricercatori in Giappone hanno trovato enormi differenze nel contenuto di vitamina C degli spinaci raccolti in estate rispetto a quelli invernali.
  • Gli svantaggi di vivere in un periodo tecnologicamente avanzato con pratiche alimentari moderne si sono rivelati tra noi sotto forma di un crescente numero di intolleranze alimentari e allergie, livelli più elevati di obesità, moderne malattie croniche come il diabete di tipo 2 e molto altro.

Principi da seguire quando si mangia stagionalmente

Ci sono alcuni principi fondamentali che puoi seguire per assicurarti un nutrimento ottimale in ogni stagione:

  • In primavera, concentrati su verdure tenere e in foglia che rappresentano la nuova crescita fresca di questa stagione. L’inverdimento che si verifica in primavera dovrebbe essere rappresentato dalle verdure nel piatto, tra cui bietole, spinaci, lattuga romana, prezzemolo fresco e basilico.
  • In estate, attenersi a cibi leggeri e rinfrescanti nella tradizione della medicina tradizionale cinese. Questi alimenti includono frutta come fragole, mele, pere e prugne; verdure come zucca estiva, broccoli, cavolfiore e mais; e spezie e condimenti come menta piperita e coriandolo.
  • In autunno, rivolgiti ai cibi più caldi del raccolto autunnale, tra cui carote, patate dolci, cipolle e aglio. Sottolinea anche le spezie e i condimenti più caldi tra cui zenzero, pepe in grani e semi di senape.
  • In inverno, rivolgiti ancora più esclusivamente ai cibi riscaldanti. Ricorda il principio secondo cui gli alimenti che impiegano più tempo a crescere sono generalmente più riscaldanti degli alimenti che crescono rapidamente. Tutti i cibi animali rientrano nella categoria del riscaldamento, inclusi pesce, pollo, manzo e agnello. Così fanno la maggior parte degli ortaggi a radice, tra cui carote, patate, cipolle e aglio. Anche le uova si adattano qui, così come il mais e le noci.

Se possibile, coltiva e raccogli tu stesso frutta e verdura: saprai esattamente come sono state coltivate quelle verdure e potrai gustarle al loro apice il giorno in cui vengono raccolte. Se il giardinaggio non fa per te, visita settimanalmente un mercato contadino locale. Anche se potrebbe non essere sempre possibile acquistare i tuoi prodotti di stagione localmente, la cosa migliore da fare è acquistare ciò che è di stagione da qualche altra parte e, si spera, non troppo lontano per ridurre al minimo i tempi di spedizione e i conseguenti danni.

Rif:

  • http://www.naturalnews.com/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here