Nuove raccomandazioni per il trattamento della depressione durante la gravidanza

0
336


Nuove raccomandazioni per il trattamento della depressione durante la gravidanza

La depressione è comune durante la gravidanza: tra il 14% e il 23% delle donne in gravidanza sperimenterà sintomi depressivi durante la gravidanza. Nel 2003, circa il 13% delle donne ha assunto un antidepressivo durante la gravidanza.

Un nuovo rapporto dell’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) e dell’American Psychiatric Association (APA), basato su un’ampia revisione della ricerca esistente, offre raccomandazioni per il trattamento delle donne con depressione durante la gravidanza.

Durante la gravidanza

Sia i sintomi della depressione che l’uso di farmaci antidepressivi durante la gravidanza sono stati associati a conseguenze negative per il neonato.

I bambini nati da donne con depressione hanno un rischio maggiore di irritabilità, minore attività e attenzione e meno espressioni facciali rispetto a quelli nati da madri senza depressione. La depressione e i suoi sintomi sono anche associati al cambiamento della crescita fetale e a periodi di gestazione più brevi. E mentre la ricerca disponibile lascia ancora alcune domande senza risposta, alcuni studi hanno collegato malformazioni fetali, difetti cardiaci, ipertensione polmonare e ridotto peso alla nascita all’uso di antidepressivi durante la gravidanza.

Identificare la depressione nelle donne in gravidanza può essere difficile perché i suoi sintomi imitano quelli associati alla gravidanza, come cambiamenti di umore, livello di energia, appetito e cognizione.

Secondo il rapporto, alcuni pazienti con depressione da lieve a moderata possono essere trattati con la psicoterapia (da sola o in combinazione con i farmaci). Inoltre, il rapporto discute la necessità di una consultazione continua tra il ginecologo e lo psichiatra di una paziente durante la gravidanza e presenta algoritmi per il trattamento di pazienti in scenari comuni:

Donne che pensano di rimanere incinte

  • Per le donne che assumono farmaci con sintomi lievi o assenti per 6 mesi o più, potrebbe essere opportuno ridurre gradualmente e interrompere il trattamento prima di iniziare una gravidanza.
  • L’interruzione del farmaco potrebbe non essere appropriata nelle donne con una storia di depressione grave e ricorrente (o che hanno psicosi, disturbo bipolare, altre malattie psichiatriche che richiedono farmaci o una storia di tentativi di suicidio).
  • Le donne con sintomi psicotici suicidi o acuti dovrebbero essere indirizzate a uno psichiatra per un trattamento aggressivo.

Donne incinte attualmente in cura per la depressione

  • Le donne psichiatriche che assumono farmaci possono essere in grado di farlo dopo aver consultato il loro psichiatra e il ginecologo per discutere rischi e benefici.
  • Le donne che desiderano interrompere i farmaci possono tentare la riduzione graduale e l’interruzione dei farmaci se non presentano sintomi, a seconda della loro storia psichiatrica. Le donne con una storia di depressione ricorrente sono ad alto rischio di ricaduta se il farmaco viene interrotto.
  • Le donne con depressione ricorrente o che hanno sintomi nonostante i loro farmaci possono trarre beneficio dalla psicoterapia per sostituire o aumentare i farmaci.
  • Le donne con depressione grave (con tentativi di suicidio, incapacità funzionale o perdita di peso) dovrebbero continuare a prendere i farmaci. Se un paziente rifiuta il farmaco, devono essere messi in atto trattamenti e monitoraggio alternativi, preferibilmente prima dell’interruzione.

Incinta e attualmente non in terapia con farmaci per la depressione

  • La psicoterapia può essere utile nelle donne che preferiscono evitare i farmaci antidepressivi.
  • Per le donne che preferiscono assumere farmaci, i rischi e i benefici delle scelte terapeutiche dovrebbero essere valutati e discussi, inclusi fattori come lo stadio della gestazione, i sintomi, la storia della depressione e altre condizioni e circostanze (p. es., fumatrice, difficoltà ad aumentare di peso).

Per Tutte le donne incinte

  • Indipendentemente dalle circostanze, una donna con sintomi suicidi o psicotici dovrebbe consultare immediatamente uno psichiatra per il trattamento.

FONTE: American College of Obstetricians and Gynecologists e American Psychiatric Association.

Disclaimer
Il Contenuto non è destinato a sostituire la consulenza medica professionale, la diagnosi o il trattamento. Chiedi sempre il parere del tuo medico o di un altro operatore sanitario qualificato per qualsiasi domanda tu possa avere riguardo a una condizione medica. Nuove raccomandazioni per il trattamento della depressione durante la gravidanza

La depressione è comune durante la gravidanza: tra il 14% e il 23% delle donne in gravidanza sperimenterà sintomi depressivi durante la gravidanza. Nel 2003, circa il 13% delle donne ha assunto un antidepressivo durante la gravidanza.

Un nuovo rapporto dell’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) e dell’American Psychiatric Association (APA), basato su un’ampia revisione della ricerca esistente, offre raccomandazioni per il trattamento delle donne con depressione durante la gravidanza.

Durante la gravidanza

Sia i sintomi della depressione che l’uso di farmaci antidepressivi durante la gravidanza sono stati associati a conseguenze negative per il neonato.

I bambini nati da donne con depressione hanno un rischio maggiore di irritabilità, minore attività e attenzione e meno espressioni facciali rispetto a quelli nati da madri senza depressione. La depressione e i suoi sintomi sono anche associati al cambiamento della crescita fetale e a periodi di gestazione più brevi. E mentre la ricerca disponibile lascia ancora alcune domande senza risposta, alcuni studi hanno collegato malformazioni fetali, difetti cardiaci, ipertensione polmonare e ridotto peso alla nascita all’uso di antidepressivi durante la gravidanza.

Identificare la depressione nelle donne in gravidanza può essere difficile perché i suoi sintomi imitano quelli associati alla gravidanza, come cambiamenti di umore, livello di energia, appetito e cognizione.

Secondo il rapporto, alcuni pazienti con depressione da lieve a moderata possono essere trattati con la psicoterapia (da sola o in combinazione con i farmaci). Inoltre, il rapporto discute la necessità di una consultazione continua tra il ginecologo e lo psichiatra di una paziente durante la gravidanza e presenta algoritmi per il trattamento di pazienti in scenari comuni:

Donne che pensano di rimanere incinte

  • Per le donne che assumono farmaci con sintomi lievi o assenti per 6 mesi o più, potrebbe essere opportuno ridurre gradualmente e interrompere il trattamento prima di iniziare una gravidanza.
  • L’interruzione del farmaco potrebbe non essere appropriata nelle donne con una storia di depressione grave e ricorrente (o che hanno psicosi, disturbo bipolare, altre malattie psichiatriche che richiedono farmaci o una storia di tentativi di suicidio).
  • Le donne con sintomi psicotici suicidi o acuti dovrebbero essere indirizzate a uno psichiatra per un trattamento aggressivo.

Donne incinte attualmente in cura per la depressione

  • Le donne psichiatriche che assumono farmaci possono essere in grado di farlo dopo aver consultato il loro psichiatra e il ginecologo per discutere rischi e benefici.
  • Le donne che desiderano interrompere i farmaci possono tentare la riduzione graduale e l’interruzione dei farmaci se non presentano sintomi, a seconda della loro storia psichiatrica. Le donne con una storia di depressione ricorrente sono ad alto rischio di ricaduta se il farmaco viene interrotto.
  • Le donne con depressione ricorrente o che hanno sintomi nonostante i loro farmaci possono trarre beneficio dalla psicoterapia per sostituire o aumentare i farmaci.
  • Le donne con depressione grave (con tentativi di suicidio, incapacità funzionale o perdita di peso) dovrebbero continuare a prendere i farmaci. Se un paziente rifiuta il farmaco, devono essere messi in atto trattamenti e monitoraggio alternativi, preferibilmente prima dell’interruzione.

Incinta e attualmente non in terapia con farmaci per la depressione

  • La psicoterapia può essere utile nelle donne che preferiscono evitare i farmaci antidepressivi.
  • Per le donne che preferiscono assumere farmaci, i rischi e i benefici delle scelte terapeutiche dovrebbero essere valutati e discussi, inclusi fattori come lo stadio della gestazione, i sintomi, la storia della depressione e altre condizioni e circostanze (p. es., fumatrice, difficoltà ad aumentare di peso).

Per Tutte le donne incinte

  • Indipendentemente dalle circostanze, una donna con sintomi suicidi o psicotici dovrebbe consultare immediatamente uno psichiatra per il trattamento.

FONTE: American College of Obstetricians and Gynecologists e American Psychiatric Association.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here