Dieta per la resistenza atletica – I Fashion Styles

0
352


Il resistenza fattore dei muscoli dipende dal supporto nutritivo per il muscolo, più che altro sulla quantità di glicogeno che è stato immagazzinato nel muscolo prima del periodo di esercizio. Una persona che segue una dieta ricca di carboidrati immagazzina molto più glicogeno nei muscoli rispetto a una persona che segue una dieta mista o ricca di grassi. Pertanto, la resistenza è notevolmente migliorata da una dieta ricca di carboidrati.

Dieta per la resistenza atletica

Effetto della durata dell’esercizio e del tipo di dieta sulle percentuali relative di carboidrati o grassi utilizzati per l’energia dai muscoli. (In parte basato sui dati di Fox: Sports Physiology. Philadelphia, Saunders College Publishing, 1979.)
Di seguito è riportato un esempio comparativo di dieta e velocità alla quale gli atleti corrono per la maratona, la loro resistenza misurata dal tempo che possono sostenere la gara fino al completo esaurimento è approssimativamente la seguente:

Dieta ricca di carboidrati

240 minuti

Dieta mista

120 minuti

Dieta ricca di grassi

85 minuti

Le quantità corrispondenti di glicogeno immagazzinate nel muscolo sono approssimativamente le seguenti:

Dieta ricca di carboidrati

33 grammi/kg di muscolo

Dieta mista

17,5 grammi/kg di muscolo

Dieta ricca di grassi

6 grammi/dg di muscolo

Anche se in precedenza abbiamo sottolineato la necessità di una dieta ricca di carboidrati e di grandi riserve di glicogeno muscolare per ottenere le massime prestazioni atletiche, ciò non significa che solo i carboidrati vengano utilizzati per l’energia muscolare, significa semplicemente che i carboidrati sono di preferenza. In realtà, i muscoli usano spesso grandi quantità di grasso per produrre energia sotto forma di acidi grassi e acido acetacetico e anche usare in misura molto minore proteine ​​sotto forma di amminoacidi.

Dieta per la resistenza atletica

Anche nelle migliori condizioni, negli eventi atletici di resistenza che durano più di 4 o 5 ore, le riserve di glicogeno del muscolo si esauriscono e sono quindi poco utili per energizzare la contrazione muscolare. Invece, il muscolo ora dipende dal glucosio che può essere assorbito dall’intestino, che è limitato, o dall’energia proveniente da altre fonti, principalmente dai grassi (dal 50 all’80 percento dell’energia deriva dai grassi piuttosto che dai carboidrati all’esaurimento).

Non tutta l’energia dei carboidrati proviene dal glicogeno muscolare immagazzinato. In molte persone è immagazzinata nel fegato quasi la stessa quantità di glicogeno che nei muscoli, e questo può essere rilasciato nel sangue sotto forma di glucosio, quindi assorbito dai muscoli come fonte di energia. Inoltre, le soluzioni di glucosio somministrate a un atleta da bere durante il corso di un’atletica (in concentrazioni ottimali dal 2 al 2,5 per cento) possono fornire dal 30 al 40 per cento dell’energia richiesta durante eventi prolungati come le maratone.
In sostanza, quindi, il glicogeno muscolare e la glicemia sono i nutrienti energetici di scelta per un’intensa attività muscolare. Eppure, anche così, per un vero evento di resistenza ci si può aspettare che il grasso fornisca più del 50% dell’energia richiesta dopo circa le prime 3 o 4 ore.

Riferimento utilizzato: Fisiologia dello sport di Arthur C. Guyton. (Settima edizione).

Disclaimer
Il Contenuto non è destinato a sostituire la consulenza medica professionale, la diagnosi o il trattamento. Chiedi sempre il parere del tuo medico o di un altro operatore sanitario qualificato per qualsiasi domanda tu possa avere riguardo a una condizione medica.

Il resistenza fattore dei muscoli dipende dal supporto nutritivo per il muscolo, più che altro sulla quantità di glicogeno che è stato immagazzinato nel muscolo prima del periodo di esercizio. Una persona che segue una dieta ricca di carboidrati immagazzina molto più glicogeno nei muscoli rispetto a una persona che segue una dieta mista o ricca di grassi. Pertanto, la resistenza è notevolmente migliorata da una dieta ricca di carboidrati.

Dieta per la resistenza atletica

Effetto della durata dell’esercizio e del tipo di dieta sulle percentuali relative di carboidrati o grassi utilizzati per l’energia dai muscoli. (In parte basato sui dati di Fox: Sports Physiology. Philadelphia, Saunders College Publishing, 1979.)
Di seguito è riportato un esempio comparativo di dieta e velocità alla quale gli atleti corrono per la maratona, la loro resistenza misurata dal tempo che possono sostenere la gara fino al completo esaurimento è approssimativamente la seguente:

Dieta ricca di carboidrati

240 minuti

Dieta mista

120 minuti

Dieta ricca di grassi

85 minuti

Le quantità corrispondenti di glicogeno immagazzinate nel muscolo sono approssimativamente le seguenti:

Dieta ricca di carboidrati

33 grammi/kg di muscolo

Dieta mista

17,5 grammi/kg di muscolo

Dieta ricca di grassi

6 grammi/dg di muscolo

Anche se in precedenza abbiamo sottolineato la necessità di una dieta ricca di carboidrati e di grandi riserve di glicogeno muscolare per ottenere le massime prestazioni atletiche, ciò non significa che solo i carboidrati vengano utilizzati per l’energia muscolare, significa semplicemente che i carboidrati sono di preferenza. In realtà, i muscoli usano spesso grandi quantità di grasso per produrre energia sotto forma di acidi grassi e acido acetacetico e anche usare in misura molto minore proteine ​​sotto forma di amminoacidi.

Dieta per la resistenza atletica

Anche nelle migliori condizioni, negli eventi atletici di resistenza che durano più di 4 o 5 ore, le riserve di glicogeno del muscolo si esauriscono e sono quindi poco utili per energizzare la contrazione muscolare. Invece, il muscolo ora dipende dal glucosio che può essere assorbito dall’intestino, che è limitato, o dall’energia proveniente da altre fonti, principalmente dai grassi (dal 50 all’80 percento dell’energia deriva dai grassi piuttosto che dai carboidrati all’esaurimento).

Non tutta l’energia dei carboidrati proviene dal glicogeno muscolare immagazzinato. In molte persone è immagazzinata nel fegato quasi la stessa quantità di glicogeno che nei muscoli, e questo può essere rilasciato nel sangue sotto forma di glucosio, quindi assorbito dai muscoli come fonte di energia. Inoltre, le soluzioni di glucosio somministrate a un atleta da bere durante il corso di un’atletica (in concentrazioni ottimali dal 2 al 2,5 per cento) possono fornire dal 30 al 40 per cento dell’energia richiesta durante eventi prolungati come le maratone.
In sostanza, quindi, il glicogeno muscolare e la glicemia sono i nutrienti energetici di scelta per un’intensa attività muscolare. Eppure, anche così, per un vero evento di resistenza ci si può aspettare che il grasso fornisca più del 50% dell’energia richiesta dopo circa le prime 3 o 4 ore.

Riferimento utilizzato: Fisiologia dello sport di Arthur C. Guyton. (Settima edizione).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here